Navigation – Plan du site
Actualité de la recherche
Regards croisés

Paul Veyne, L’Empire gréco-romain

Andrea Giardina
p. 247-252
Référence(s) :

Paul Veyne, L’Empire gréco-romain, Paris, Seuil, 2005, 876 p., 55 fig.

Texte intégral

1In un’intervista di alcuni anni fa, ripubblicata in Sexe et pouvoir à Rome (2005), Paul Veyne ha avuto modo di dire, con molta naturalezza e sincerità, che cosa in fondo lo attrae nello studio del mondo greco-romano: «Par ailleurs, ce monde gréco-romain, je m’y sens bien pour plusieurs raisons. L’une est l’attrait qu’exerce sur moi sa religion sans Église. Ensuite, la fascination que j’éprouve pour cet art qui est, et pour cause, proche de l’art italien, et très différent des arts germaniques. Enfin, l’Antiquité se caractérise par l’absence de susceptibilité identitaire: c’est une civilisation mondiale diffusée partout, la civilisation grecque dont Rome est la version en langue latine. D’où l’absence de drames ethniques, puisque ne s’est pas encore produite cette coïncidence de l’ethnie et de l’État qu’on appelle la nation. Quel soulagement!» (p. 17). Tutti questi sentimenti, e molti altri ancora, si ritrovano in questa raccolta di saggi, dedicati ad aspetti fondamentali del mondo greco-romano: politici, artistici, antropologici, psicologici, religiosi, latamente culturali. I contributi, pubblicati quasi tutti tra il 2000 e il 2004, sono stati ampiamente riscritti e rielaborati per l’occasione. Le diverse provenienze originarie non sono indicate. Alcuni di essi potrebbero essere, per dimensioni e caratteristiche, altrettanti piccoli libri, degni di una pubblicazione separata: questo vale, in particolare, per il capitolo IV (L’identité grecque contre et avec Rome: «collaboration» et vocation supérieure) e per i capitoli V e VI, strettamente connessi (Palmyre et Zénobie entre l’Orient, la Grèce et Rome; L’art de Palmyre: «mondialisation», ressemblance, frontalité, yeux hallucinés). Il libro ha una sua coerenza, determinata in primo luogo dalla forte personalità dell’autore, anche se è evidente l’esistenza di due blocchi (cap. I-VII e VIII-XIII) relativamente autonomi. Veyne si è occupato di tutto l’arco della storia antica, ma non predilige le età arcaiche, e ama concentrarsi sulla storia della Grecia classica, dell’ellenismo, della piena età repubblicana e dell’impero. I suoi interessi per la tarda antichità si riflettono, in questo volume, soprattutto in quattro saggi: Païens et charité chrétienne devant les gladiateurs (cap. IX); Passion, perfection et âme matérielle dans l’utopie stoïcienne et chez saint Augustin (cap. XI); La prise de Rome en 410 et les Grandes Invasions (cap. XII); Pourquoi l’art gréco-romain a-t-il pris fin? (cap. XIII). Pregevoli e interessanti per molti aspetti, questi capitoli appaiono tuttavia meno suggestivi degli altri: del resto lo stesso Veyne ha dichiarato esplicitamente, come si accennava, di preferire quella parte della romanità dove la religione non aveva una Chiesa.

2Indici analitici più particolareggiati faciliterebbero la consultazione di un’opera che s’impone già a prima vista per la ricchezza dei dati, degli argomenti, delle riflessioni. Nell’impossibilità di rendere conto in modo esauriente di questa ricchezza, ci limiteremo a ripercorre uno dei fili conduttori del libro, che riguarda in particolare le istituzioni, la vita politica, il rapporto tra greci e romani.

3Gli ammiratori di Paul Veyne troveranno in questo libro tutto quello che amano nel loro autore: la curiosità insaziabile, le sconfinate aperture intellettuali, la cultura straripante, l’originalità delle prospettive e delle interpretazioni, parimenti brillante nelle esplorazioni avventurose e nella rivisitazione di territori tranquilli e ben conosciuti (per un ritratto equilibrato di questo storico, cfr. ora P. Le Roux, in Les historiens, 2003, pp. 301-316). Secondo lo stile che gli è tipico, l’autore affronta i suoi temi con una scrittura opulenta, che procede per ondate: un argomento sembra esaurito, ma ecco che esso riprende consistenza e vigore, richiedendo al lettore un rinnovato impegno. Le ripetizioni si susseguono, ma le variazioni le rendono diverse: bastano a volte una nuova analogia, un’imprevista citazione o una deviazione lessicale a ridare freschezza al racconto. Leggere le pagine di questo grande storico è un’esperienza insieme molto faticosa e molto divertente. Anche quando si sente sopraffatto, il lettore percepisce che l’autore esagera per una largitas comunicativa che include il virtuosismo ma non si esaurisce in esso. Domina su tutto, come si diceva, un’impressione di straripante curiosità, che richiama subito alla mente quanto negli «Entretiens» con Catherine Darbo-Peschanski Veyne ebbe a dire al riguardo: «… comme historien et comme professeur, seul m’attire ce qui est interéssant. Or l’intéressant n’est pas le bien, ni le beau, ni le réel, ni l’aimable, ni l’utile, ni l’indispensable, ni même l’important; ou plutôt, lorsqu’il est ceci ou cela, bon ou beau, ce n’est pas cela qui le rend intéressant. En un mot, l’intéressant est désintéressé: raisonnablement, nous devrions n’en avoir que faire, mais nous ne sommes pas raisonnables: nous sommes curieux de tout […]. Une chose est intéressante lorsque nous sommes incapables de dire pourquoi nous nous intéressons à elle: nous savons seulement qu’elle nous intéresse» (Le quotidien et l’intéressant, 1995, p. 67).

4Il titolo, come precisa lo stesso Veyne, si giustifica per tre motivi: quello «greco-romano» era un impero bilingue, la sua cultura materiale e morale derivava da un processo di assimilazione della civiltà ellenica, la cultura greca conviveva con il potere romano. «Toutefois, [egli precisa] s’acculturer et s’identifier sont deux choses bien différentes: les Japonais occidentalisés continuent à se tenir pour japonais et les Romains hellénisés se tinrent fièrement pour aussi romains qu’ils l’avaient toujours été» (p. 11). E altrove ripete che «Rome impériale appartient à la civilisation grecque, de même que le Japon actuel est un pays occidental» (p. 353). Il confronto con il Giappone ricorre frequentemente. L’autore paragona per esempio la politica domizianea in materia di costumi sessuali con l’attitudine di altri «régimes prédicateurs» quali furono appunto gli imperi della Cina e del Giappone (p. 55), e nell’esprimere il senso di fastidio e d’incredulità suscitato dalle antiche prediche sulla decadenza, evoca l’equivoco in cui caddero i generali nipponici quando attaccarono Pearl Harbor nella certezza che il loro paese povero e virtuoso fosse più forte della plutocrazia americana (p. 106). In un’altra occasione gli è accaduto di affermare che l’egemonia romana assomigliava a quella del Giappone agli inizi del xx secolo: «Elle visait à faire que Rome fût entourée d’une sorte de glacis protecteur destiné à tenir les autres peuples à distance» (Le quotidien et l’intéressant, p. 109). Ma l’analogia ha preso talvolta toni ancora più espliciti: «Les Romains sont prodigieusement différents de nous, et en matière d’exotisme, n’ont rien à envier aux Amérindiens ou aux Japonais», ha scritto Veyne nell’introduzione al primo volume (1985) dell’Histoire de la vie privée (p. 14). Nel contesto delle polemiche termidoriane contro l’«anticomania» giacobina, già l’ideologo Volney aveva dichiarato di aver tratto grande vantaggio, per la comprensione delle popolazioni antiche, dalla sua conoscenza diretta delle comunità indigene d’America: «Je suis toujours frappé de l’analogie que je remarque chaque jour entre les sauvages de l’Amérique du Nord et les anciens peuples si vantés de la Grèce e de l’Italie. Je retrouve dans les Grecs d’Homère, surtout dans ceux de son Iliade, les usages, les discours, les mœurs des Iroquois, des Delawares, des Miâmis. Les tragédies de Sophocle et d’Euripide me peignent presque littéralement les opinions des hommes rouges sur la nécessité, sur la fatalité, sur la misère de la condition humaine et sur la dureté du destin aveugle» (in P. Vidal-Naquet, La démocratie grecque vue d’ailleurs, 1990, p. 181). Posizioni come questa rappresentano una parte tanto minoritaria quanto significativa delle visioni contemporanee del rapporto tra antichità e attualità. In Volney, preoccupato di contrastare le attualizazzioni giacobine di istituzioni e valori greco-romani, il riferimento alle popolazioni americane serviva alla caratterizzazione di un’antichità insieme esotica e «primitiva». Anche in Veyne il richiamo all’esotismo ha un trasparente contenuto polemico, ma la sua analogia ha un significato più complesso della semplice evocazione del «primitivismo» dei romani: il Giappone ricorre così di frequente nei suoi scritti perché rappresenta, come quella della Roma antica, una cultura al tempo stesso esotica e moderna (una modernità da intendersi ovviamente come relativa ai tempi e non come specchio della nostra modernità). L’analogia tra l’antica Roma e il Giappone segnala anche il maggior gradimento che egli riserva al termine «modernizzazione» rispetto ad «acculturazione»: «quant aux Romains, ce sont des Grecs; de même que les Japonais, depuis l’ère Meiji, sont des Occidentaux, ont des usines, des téléviseurs, un Parlement, lisent Baudelaire et Tolstoï, jouent du Mahler et ont un art abstrait ou postmoderne […]. Les peuples ne s’acculturent pas: ils pensent se moderniser» (Le quotidien et l’intéressant, pp. 253 e 255).

5Anche in questo libro, l’analogia e il confronto storico sono un carattere costante della scrittura di Paul Veyne: evocazioni dell’impero ottomano, dell’impero cinese, dell’Italia trecentesca, della corte di Versailles, di Napoleone, di Stalin, di Hitler e del nazismo, della Francia di Vichy, della Romania di Ceausescu, della Cambogia di Sihanouk, della Corea di Kim Jung, degli Stati Uniti, e tante altre ancora, si susseguono inaspettate e hanno a volte un effetto folgorante. Oltre a rispondere a un’esigenza interpretativa, esse corrispondono a uno stile peculiare, a un modo originale e affascinante di raccontare la storia. Ma il confronto storico è spesso risolutivo ai fini dell’interpretazione, come quando Veyne, nell’affrontare il problema della fisionomia nei ritratti palmireni, commenta la fotografia di un artigiano indonesiano che espone nella sua bottega una serie di ritratti funerari tutti uguali, a disposizione della propria clientela (p. 349, con fig. 55).

6Ed è proprio da un’analogia che prende avvio il primo saggio, Qu’était-ce qu’un empereur romain?, dedicato ai fondamenti e alla natura del potere imperiale romano. Nel suo studio sul cesaropapismo bizantino (1995), Gilbert Dagron (uno storico particolarmente caro a Paul Veyne), stabilisce un confronto tra la funzione imperiale a Bisanzio e la concezione del potere califfale: «Comme le souverain de Bagdad, celui de Constantinople hésitait entre une définition de malik et une définition de khalīfa, entre une succession déployée dans le temps, qui faisait éclore des dynasties, et une chaîne perpétuelle de délégations» (p. 72). Veyne coglie in questa oscillazione il motivo essenziale della cronica debolezza della legittimità imperiale a Roma. L’imperatore romano esercitava «un métier à haut risque» perché non occupava il trono in quanto proprietario, ma in quanto mandatario della collettività. L’autore attribuisce quindi un ruolo determinante all’ideologia: «Certes, que la collectivité ait délégué l’empereur n’était qu’une fiction, qu’une idéologie, mais l’existence de cette fiction suffisait à empêcher le prétendu délégué d’avoir la légitimité d’un roi, une légitimité attachée à sa personne inviolable» (p. 15). Questa constatazione conduce l’autore a una serie di riflessioni concernenti aspetti quali i riflessi della discontinuità istituzionale sul giudizio riservato ai predecessori del sovrano regnante, i rischi di usurpazioni e guerre civili a ogni cambiamento di regno, l’odio per il termine regnum, la concezione del trono come patrimonio ereditario, la trasmissione aristocratica (o clanica) del potere, il ruolo del senato, il concetto di opposizione, il culto imperiale e altri ancora. Più che alle ragioni del diritto pubblico e delle regole, Veyne guarda ai rapporti di forza e alla «fiction» del consenso. Il termine «fiction» è dunque il filo conduttore di questa indagine, ma l’autore sa distaccarsene al momento opportuno, come quando, per esempio, insiste sull’incidenza effettiva e protratta del concetto di respublica: «Sous l’Empire, le mot “République” ne cessera jamais d’être prononcé et ce n’est pas une fiction hypocrite. Sous l’Ancien Régime, chacun sera au service du roi; un empereur, au contraire, était au service de la République» (pp. 28 sg). All’interno di questi limiti si ergeva l’onnipotenza del principe, che esprimeva un assolutismo fondato su una delega dell’autorità e, in quanto tale, portatore di una contraddizione insanabile.

7Come accade spesso nell’opera di Paul Veyne, l’analisi sociologica e politologica si volge in racconto anche grazie alle risorse della psicologia: in pagine molte suggestive egli spiega come quel mondo fosse popolato da imperatori folli e da aristocratici avventurieri. La megalomania e la follia dei Cesari, esemplificata ovviamente da Caligola, Nerone e Commodo, era una conseguenza della loro onnipotenza, dell’imperium, del culto imperiale, dell’assenza di una tradizione vincolante e di una corte degna di questo nome (p. 56). Anche se il numero molto esiguo dei Cesari folli (che non furono numerosi come sostiene l’autore) e il fatto che almeno due di essi avessero certamente tare mentali ereditarie riducono il significato sociologico del fenomeno, le manifestazioni di quest’ultimo meritano certamente l’attenzione che vi dedica l’autore. Al tempo stesso, il carattere poco strutturato della società romana, «qui était un terroir sans beaucoup de haies» (p. 44), favoriva la competizione e i sogni di grandezza degli aristocratici. Tutto questo è detto perfettamente in una delle pagine più belle del libro: «La noblesse sénatoriale était hiérarchisée par des honneurs gradués, par le rang de chacun […], mais rien d’autre n’empêchait les ambitions de naître et de s’enfler: ni sens du “bien public” et de la légalité, ni éthique religieuse, ni institutions ecclésiastiques, ni respect dynastique, ni partis politiques, ni lourde bureaucratie, ni tradition ministérielle du service public, ni cadres professionnels, ni réseaux économiques serrés. La politique romaine avait un sens aigu de l’autorité, tout en étant adroite, tolérante, fort peu prosélyte, mais c’était aussi une politique archaïque, impulsive, peu rationalisée» (p. 44). Sono parole che ricordano, per assonanza, il celebre saggio (1975) di Veyne sull’imperialismo romano (cfr. anche, in questo volume, pp. 176 sgg). Paul Veyne lotta incessantemente contro le visioni modernizzanti dell’antichità, ma la sua «semplificazione» del mondo antico deriva da procedimenti critici complessi e dall’uso di concetti difficili e raffinati. Accade quindi che, proprio in virtù di quei procedimenti, la sua Antichità appaia non già primitiva ma anch’essa complessa. Il metodo, in altre parole, ci restituisce un oggetto alquanto elaborato.

8Ritorna, in questo saggio, un’opinione che Veyne aveva avuto modo di esprimere anche in precedenza: «L’Empire romain n’a rien d’un chef-d’œuvre politique», e il suo successo si deve a circostanze particolarmente favorevoli (pp. 47 sg): l’inesistenza di nazionalismi, il fatto che gli squilibri economici fossero contenuti («l’inégalité économique pouvait être comme d’un à deux, et non comme d’un à trente dans le monde actuel»), la disponibilità di una potenza militare enorme. Quest’ultimo punto merita una riflessione particolare: nel sottolineare che la Roma imperiale non aveva una «science du gouvernement», ma soltanto «une science de la puissance et un culte de sa puissance» (cfr. anche Le quotidien et l’intéressant, p. 96), egli stranamente nega che la capacità di mobilitare eserciti enormi, in una proporzione sconosciuta al mondo antico, fosse il risultato di una sapienza di governo. Com’è noto, l’opinione degli antichi al riguardo era completamente diversa, e così l’opinione di quei moderni che hanno giustamente visto lo stretto rapporto che intercorreva tra la potenza di Roma e la sua politica della cittadinanza. Veyne, inoltre, non tiene conto di altri aspetti –per esempio la «politica monetaria»– ai quali altri storici attribuiscono una certa importanza, evidentemente perché non ritiene che gli strumenti normativi e amministrativi avessero impatti degni di nota sulla vita economica e sociale dell’impero. Si può concordare tuttavia sul modo in cui egli vede la vita politica dell’impero: «la politique impériale était faite de maintien du statu quo, de colmatage de brèches, de conflits entre chefs, entre groupes dirigeants et pour l’idée que les gouvernés se faisaient d’eux-mêmes, plus que de grands problèmes, de conflits de classes ou d’idéologies» (p. 58).

9L’autore sottolinea più volte come una legge non scritta impedisse a un greco di essere imperatore romano: «Les Romains savaient si bien que l’identité hellénique leur était réfractaire et restait leur vrai rivale qu’aucun empereur n’est d’origine grecque» (p. 197). Questa constatazione conduce al già ricordato cap. IV, dove l’autore combatte l’opinione diffusa secondo la quale i greci sarebbero passati con una certa spontaneità dalla sottomissione all’accettazione, finendo per sentirsi a tutti gli effetti cittadini dell’impero romano. I greci, egli sostiene, si considerarono sempre come l’unico popolo civilizzato, poiché la civiltà greca era considerata la civiltà tout court: «Quant aux Romains, les Grecs les ont toujours considérés comme des étrangers, auxquels, bien que vaincus, ils se sentaient supérieurs, sauf là où ceux-ci avaient reçu leur civilisation» (p. 165). In questa analisi, la principale fonte di riferimento è il Discorso XXXI di Dione di Prusa ai rodiesi, definito «un appel à un sursaut moral de tout l’hellénisme» (p. 167), e preso come spunto per riesaminare, dalla fondamenta, il problema dell’identità greca in età romana. L’autore intende raccontare come il complesso di superiorità romano «s’est heurté à un complexe de supériorité grec, qui, au terme de six ou sept siècles, devait finir par l’emporter» (p. 177). E’ strano che l’autore, che attribuisce giustamente grande valore ai fattori psicologici e alle «fictions», non accenni al ruolo svolto in questo processo dai miti di origine e quindi dalla concezione greca delle syggheneia e da quella romana della consanguinitas. Il mito troiano, in particolare, sembra aver avuto un’importanza tutt’altro che trascurabile. Quando infatti i contatti tra Roma e il mondo greco divennero sempre più frequenti e stretti, il mito troiano servì a ribadire la differenza e quindi l’autonomia dell’identità romana, attenuando quell’inquietudine che si acutizza inevitabilmente in situazioni caratterizzate dall’incontro tra culture di forza molto disuguale. Il caso romano mostra dunque come l’accettazione di un determinato mito delle origini, finalizzata alla valorizzazione della differenza, abbia consentito di agevolare il processo di acculturazione. Se davvero Roma «était assez forte pour se permettre d’imiter autrui», lo era anche grazie alle sue origini troiane. E se è vero che i romani rimasero sempre «une nation étrangère, pour tout le monde, intellectuels et autres, riches et pauvres» (p. 250), fu proprio questa estraneità a consentire, in origine, la loro straordinariamente larga politica dell’integrazione e della cittadinanza.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Andrea Giardina, « Paul Veyne, L’Empire gréco-romain », Mélanges de la Casa de Velázquez, 37-1 | 2007, 247-252.

Référence électronique

Andrea Giardina, « Paul Veyne, L’Empire gréco-romain », Mélanges de la Casa de Velázquez [En ligne], 37-1 | 2007, mis en ligne le 11 octobre 2010, consulté le 19 novembre 2017. URL : http://mcv.revues.org/1849

Haut de page

Auteur

Andrea Giardina

Istituto italiano di scienze umane

Haut de page

Droits d’auteur

© Casa de Velázquez

Haut de page
  • Logo Casa de Velázquez
  • Revues.org