Navigation – Plan du site
Actualité de la recherche
Comptes rendus

Fernando Prados Martínez, Arquitectura Púnica

Massimo Botto
p. 233-235
Référence(s) :

Fernando Prados Martínez, Arquitectura Púnica. Los monumentos funerarios, Madrid, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 2008, 332 p., 328 fig.

Texte intégral

1Il presente volume si colloca all’interno di un filone di studi sull’architettura punica che l’Autore coltiva da diversi anni. Nel caso specifico l’attenzione è stata rivolta ai monumenti funerari, oggetto di precedenti messe a fuoco che hanno permesso allo studioso di confrontarsi con campi di indagine di differente natura, ma che sono poi risultati di vitale importanza per la buona riuscita della monografia qui presa in esame. Si fa riferimento, per esempio, alle complesse problematiche escatologiche di ambito vicino-orientale che stanno alla base dell’architettura funeraria punica del Nord Africa, oppure agli influssi che in questo specifico settore sono stati trasmessi dal mondo punico a quello iberico.

2Le due aree sopraindicate, ovvero il Nord Africa e la Penisola Iberica, sono dunque al centro dello studio di Fernando Prados Martínez. Nel primo caso, perché si tratta del territorio che ha restituito il maggior numero di monumenti funerari riconducibili all’architettura punica, nel secondo perché il tipo di evidenze messe in luce ha permesso di comprendere meglio le problematiche inerenti all’origine del monumento turriforme, che è fra tutti i monumenti funerari quello su cui si sono focalizzati gli interessi dell’Autore.

3Dopo una chiara introduzione in cui si spiegano le finalità del lavoro, Prados Martínez procede nel capitolo ii ad una sintetica trattazione della storia di Cartagine concentrando l’attenzione sulle caratteristiche geografiche del territorio nord-africano direttamente controllato dalla metropoli. È questa infatti la regione in cui si ha la più alta concentrazione di monumenti funerari che si dispongono in punti elevati a controllo di fertili valli fluviali che di fatto costituiscono anche le principali vie di comunicazione naturali utilizzate nell’antichità. Anticipando le conclusioni relative allo studio analitico delle strutture, l’Autore colloca alla metà del iv sec. a.C. il momento in cui si assiste ad una costruzione generalizzata dei monumenti funerari di tipo turriforme, motivando questa collocazione con l’affermazione a Cartagine di un’aristocrazia che basava la propria ricchezza sui latifondi piuttosto che sui commerci marittimi. Questa tesi spiegherebbe anche la posizione isolata di molti monumenti funerari, distanti dalle necropoli ma collocati in punti ben visibili a delimitare le grandi proprietà terriere.

4Nel volume si dà particolare risalto anche allo studio dei prototipi orientali dell’architettura monumentale funeraria che si è sviluppata in Nord-Africa a partire dal iv sec. a.C. L’Autore individua infatti nella tradizione monumentale che si afferma nell’area siro-palestinese nel corso del i millennio a.C. il precedente diretto dei monumenti turriformi cartaginesi. In questo contesto risulta di particolare interesse la documentazione proveniente dalla regione di Amrit, nella Fenicia settentrionale (da integrare con J. Elayi e M. R. Haykal, Nouvelles découvertes sur les usages funéraires des Phéniciens d’Arwad [Transeuphratène, Supp. n. 4],Paris 1996). A nostro avviso, insieme a Sidone è proprio in questo settore della madrepatria che in epoca persiana si vivificano tendenze artistiche con apporti pluristratificati in cui l’Egitto riveste un ruolo di primo piano. Inoltre, tali innovative elaborazioni troveranno precoce diffusione nelle aree coloniali del Mediterraneo centrale a seguito della riapertura dei contatti con le metropoli della costa levantina che attraversano una fase di floridezza economica grazie alla politica dei sovrani achemenidi. Queste considerazioni sono alla base di alcuni specifici studi di Ida Oggiano e S. F. Bondì di cui si consiglia la lettura (cf. rispettivamente «Lo spazio sacro a Nora», Atti del V Congresso Internazionale di Studi Fenici e Punici, Palermo 2005, in part. pp. 1034-1035 e «Aspetti delle relazioni tra la Fenicia e le colonie di Occidente in età persiana», Transeuphratène, 12 [1996], pp. 73-83). Esse inoltre rafforzano la tesi dell’Autore, che in netta contrapposizione con il parere di illustri studiosi, considera i monumenti turriformi, funerari o commemorativi, non come una creazione greca bensì come un’elaborazione punica di tendenze provenienti dalla madrepatria. Partendo da tali premesse, l’Autore individua e isola all’interno della ricca documentazione nord-africana elementi di chiara influenza ellenica, che però, come sopra ricordato, interessano prevalentemente l’aspetto decorativo del monumento non corrompendo il modello architettonico originario fortemente intriso di un simbolismo religioso di matrice orientale. Secondo Prados Martínez, infatti, i monumenti turriformi hanno funzionato come strumenti per assicurare la salvezza dell’«anima» (S. Ribichini,«Mythes et rites des Phéniciens et de Carthaginois», inR. del Olmo Lete [ed.], Mythologie et Religion des Sémites Occidentaux [2 vol.], Leuven-Paris-Dudley [MA], 2008, vol. 2, in part. pp. 355-366), anche se l’Autore riconosce a questo tipo di architettura un carattere polisemico, in cui confluiscono pure motivazioni di tipo sociale e politico. Per la loro struttura imponente, questi edifici si prestano a «marcare» un territorio o una proprietà, inoltre con la loro costruzione non solo si onorava un membro della famiglia defunto ma si legittimava la posizione sociale del resto della famiglia.

5Il capitolo vii del libro è il più analitico ed esaustivo. In esso sono presi in esame i monumenti funerari punici e di tradizione punica in modo globale, partendo dalle fonti archeologiche divise in fonti dirette e fonti indirette. Le prime riguardano lo studio delle strutture architettoniche vere e proprie. Per motivi di spazio non è possibile prendere in esame in questa sede l’insieme della documentazione, ma un dato deve almeno essere tenuto presente. Grazie alla stesura della carta archeologica del territorio tunisino da parte dell’équipe dell’Institut National du Patrimoine negli ultimi dieci anni le conoscenze si sono enormemente implementate, soprattutto per quel che concerne la presenza di monumenti turriformi nel territorio cartaginese, al punto che è stato possibile superare e ribaltare l’idea tradizionale che questi edifici fossero numidi e che a Cartagine fossero presenti solo dipinti nelle camere funerarie. Passando alle fonti archeologiche indirette, esse si riferiscono a quelle classi artigianali in grado di fornire ulteriori indicazioni sui monumenti turriformi. In primo luogo sono presi in esame le stele e i cippi. Per questi ultimi particolare interesse riveste la documentazione di Tharros, con esemplari caratterizzati da tre pilastri di cui quello centrale con copertura piramidale e quelli laterali ad altarino (da integrare con G. Tore, «Cippi, altarini e stele funerarie nella Sardegna fenicio-punica: alcune osservazioni preliminari ad una classificazione tipologica», in Sardinia Antiqua. Studi in onore di P. Meloni in occasione del suo settantesimo compleanno, Cagliari 1992, pp. 177-194). Si tratterebbe di un motivo presente anche nelle pitture parietali delle tombe nord-africane, come nel caso del noto ipogeo VIII della necropoli di Jebel Mlezza. Sempre da Tharros provengono inoltre cippi con copertura piramidale o semisferica che ricordano gli edifici dell’area arvadita precedentemente segnalati. Altrettanto ricca e interessante è la documentazione pittorica proveniente sia dagli ipogei punici nord-africani sia dagli haouanet libico-berberi, a testimonianza di come i monumenti turriformi fossero comuni alle due etnie che dividevano lo stesso spazio geografico e numerosi aspetti culturali. L’analisi è completata dalla rassegna delle arti minori e dei riscontri iconografici nella numismatica, mentre distintamente sono esaminate le fonti letterarie ed epigrafiche divise in fonti semitiche e greco-latine.

6Il capitolo ix affronta la problematica dei monumenti turriformi di tipo punicizzante nel mondo iberico partendo dal noto monumento di Pozo Moro, la cui realizzazione si pone fra la fine del vi e gli inizi del v sec. a.C. Il dato è di estremo interesse perché conferma l’esistenza di tombe monumentali turriformi in Occidente prima del periodo ellenistico, che dipenderebbero da prototipi di ambientazione vicino-orientale. Inoltre, l’ubicazione della struttura in prossimità di importanti vie di comunicazione e presso una sorgente ricorda quanto segnalato per i monumenti cartaginesi. La seconda parte del capitolo è dedicata al processo di punicizzazione del Sud-Est della Penisola Iberica in epoca barcide, che vede una diffusione del monumento di tipo turriforme ampia e capillare.

7La monografia di Prados Martínez si presenta quindi come un’opera che, partendo da una solida base documentaria, spesso acquisita di prima mano, si dimostra ricca di spunti innovativi e originali che saranno sicuramente di stimolo alle future ricerche.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Massimo Botto, « Fernando Prados Martínez, Arquitectura Púnica », Mélanges de la Casa de Velázquez, 40-1 | 2010, 233-235.

Référence électronique

Massimo Botto, « Fernando Prados Martínez, Arquitectura Púnica », Mélanges de la Casa de Velázquez [En ligne], 40-1 | 2010, mis en ligne le 21 décembre 2010, consulté le 24 mai 2017. URL : http://mcv.revues.org/3200

Haut de page

Auteur

Massimo Botto

ISCIMA Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma

Haut de page

Droits d’auteur

© Casa de Velázquez

Haut de page
  • Logo Casa de Velázquez
  • Revues.org